news dall'orto

Listino Prodotti
clicca sulla foto per conoscere il contenuto della cassetta

Categoria Prodotti info Prezzo Disponibilità
Cassetta in consegna il 6 agosto 2014 cassetta di ortaggi €10

Per informazioni scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Visualizza Locandina PDF

Scopo e Motivazioni:

Lo scopo del progetto è quello di attivare un’economia legata all’agricoltura di qualità che sia contemporaneamente occasione di integrazione per persone migranti e di relazione  fra produttori e consumatori al di fuori della sola logica del prezzo.

In Sicilia, come nel resto di Italia, si  assiste alla continua crescita del numero di terreni incolti o abbandonati che una volta erano fonte di reddito e di cibo per le popolazioni locali e che ora contribuiscono al  degrado ambientale. Dall’altro lato c’è un numero crescente di persone migranti con la necessità di trovare un lavoro che garantisca loro una vita dignitosa e la possibilità di sostenere economicamente i famigliari rimasti nel paese di origine.

Il valore dell’agricoltura di qualità nella conservazione del  territorio, dell’ambiente circostante e dunque della salute di chi ci abita è oggi ampiamente misconosciuto. Le competenze necessarie per coltivare la terra, la fatica, l’incertezza della produzione legata a fattori ambientali sempre meno prevedibili solo raramente sono riconosciuti nel prezzo finale del prodotto agricolo che viene invece determinato lontano dai luoghi di produzione e secondo logiche globali che non possono adattarsi ad  ogni singolo territorio locale.

L’idea del progetto è dunque quella di individuare delle aree agricole che possono diventare un’opportunità di lavoro (in prevalenza per persone immigrate) attivando contemporaneamente una stretta relazione tra i produttori e i consumatori. Il confronto e lo scambio tra persone provenienti da contesti culturali diversi (sia che si tratti di città/campagna sia che riguardi diverse nazionalità) favorirà la comprensione delle esigenze di ognuno mettendo al centro dell’attenzione la persona. L’obiettivo è quello  di arrivare a scelte condivise che riguardano dove, come e cosa produrre e come assegnare un giusto prezzo a quanto prodotto.

 

Il progetto si svolgerà su un terreno che in passato è stato dedicato alla produzione di ortaggi biologici e che successivamente è stato abbandonato a causa della  costruzione dell'autostrada Siracusa – Catania. Il terreno si trova in contrada San Calò, vicino a Carlentini e ha una estensione di circa 3 ettari. Il progetto prevede la coltivazione di ortaggi, un bananeto, fichi d’india e piante grasse. Prima di poter avviare le coltivazioni è necessaria una lavorazione di preparazione del terreno.

L’obiettivo è la costituzione di una cooperativa multietnica formata da uomini e donne provenienti da diversi paesi del mondo (compresa l’Italia) che si occuperà della produzione e commercializzazione dei prodotti. I consumatori (persone singole, famiglie, GAS) che acquisteranno questi prodotti faranno anch’essi parte della cooperativa (in alternativa si può prevedere che si riuniscano in una associazione di cui faccia parte anche la cooperativa). Chi deciderà di partecipare al progetto come consumatore sarà anche chiamato a contribuire al finanziamento delle attività pre-acquistando i prodotti che andrà a consumare e supervisionando l’attività di produzione e distribuzione di quanto prodotto.

Il progetto si rivolge alle provincie di Catania e Siracusa. Le realtà coinvolte sono da una parte quelle che si occupano di immigrazione, in particolare per quanto riguarda l’inserimento lavorativo, e dall’altra quelle dei consumatori che si fanno promotori di una agricoltura ecologica e sociale.

Gli scopi principali del progetto sono:

  1. la creazione di posti di lavoro in regola che possano garantire una vita dignitosa a chi normalmente fatica a trovare una sistemazione adeguata

  2. mettere in produzione un terreno attualmente incolto utilizzando tecniche ecologiche e prevedendo anche degli interventi a beneficio del paesaggio

  3. coinvolgere il consumatore nella fase della produzione avvicinandolo alla campagna e attivando delle relazioni di solidarietà con chi produce

  4. favorire uno scambio interculturale anche grazie alla coltivazione di ortaggi e frutta tipici di diversi paesi e dunque alla condivisione del cibo secondo diverse tradizioni

A lungo termine il progetto potrebbe diventare un modello da replicare in altre realtà e luoghi. E’ pensabile che attorno alla cooperativa possano svilupparsi attività di trasformazione delle eccedenze agricole, di formazione in campo agricolo, corsi di cucina, percorsi per le scuole, forniture per mense sociali o cooperative di catering allargando così il numero di persone e realtà coinvolte nel progetto iniziale.

 

Per informazioni scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.